LinguaBoosterlearning foreign languages

«Moby Dick Or The Whale» in Italian

Book Moby Dick Or The Whale in Italian

Moby Dick

51 vote
Author
Pages:
733
Reading time:
35 hours
Genres
Adventure novel , Psychological novel , Philosophical novel
Originally published
1851
Original language
English

Table of contents

Expand

I. QUALCOSA APPARE IN LONTANANZA1
II. IL SACCO DA VIAGGIO7
III. ALLO SFIATATOIO12
IV. LA COPERTA32
V. A COLAZIONE37
VI. LA STRADA40
VII. LA CAPPELLA42
VIII. IL PULPITO46
IX. LA PREDICA49
X. UN AMICO DEL CUORE58
XI. CAMICIA DA NOTTE63
XII. BIOGRAFICO65
XIII. CARRIOLA69
XIV. NANTUCKET75
XV. ZUPPA DI PESCE77
XVI. LA NAVE82
XVII. IL RAMADAN101
XVIII. LA SUA FIRMA109
XIX. IL PROFETA114
XX. TUTTI AFFACCENDATI119
XXI. CI S'IMBARCA123
XXII. NATALE ALLEGRO128
XXIII. LA COSTA A SOTTOVENTO135
XXIV. IL DIFENSORE137
XXV. POSCRITTO142
XXVI. CAVALIERI E SCUDIERI144
XXVII. CAVALIERI E SCUDIERI148
XXVIII. ACHAB152
XXIX. ENTRA ACHAB. STUBB GLI PARLA157
XXX. LA PIPA161
XXXI. LA REGINA MAB163
XXXII. CETOLOGIA165
XXXIII. LO «SPECKSYNDER»183
XXXIV. LA MENSA186
XXXV. LA TESTA D'ALBERO191
XXXVI. IL CASSERO199
XXXVII. TRAMONTO210
XXXVIII. CREPUSCOLO212
XXXIX. PRIMO TURNO DI NOTTE214
XL. MEZZANOTTE, CASTELLO DI PRUA216
XLI. MOBY DICK224
XLII. LA BIANCHEZZA DELLA BALENA233
XLIII. ASCOLTA!241
XLIV. LA CARTA243
XLV. L'ATTESTATO250
XLVI. CONGETTURE260
XLVII. IL PAGLIETTAIO263
XLVIII. LA PRIMA CALATA IN MARE267
XLIX. LA IENA281
L. LA BARCA E GLI UOMINI DI ACHAB. FEDALLAH283
LI. LO SPRUZZO FANTASMA286
LII. L'ALBATRO291
LIII. IL GAM294
LIV. LA STORIA DEL TOWN-HO300
LV. DELLE FIGURAZIONI MOSTRUOSE DELLE BALENE326
LVI. DELLE FIGURAZIONI MENO ERRONEE DELLE BALENE E DELLE VERE PITTURE DI SCENE DI CACCIA333
LVII. DELLE BALENE IN PITTURE, IN DENTI, IN LEGNO, IN FOGLI DI FERRO, IN PIETRA, IN MONTAGNE E IN STELLE337
LVIII. BRIT340
LIX. LA PIOVRA343
LX. LA LENZA347
LXI. STUBB AMMAZZA UNA BALENA352
LXII. IL LANCIO359
LXIII. IL FORCACCIO361
LXIV. STUBB A CENA362
LXV. LA BALENA COME PIATTO371
LXVI. IL MASSACRO DEI PESCICANI374
LXVII. SQUARTAMENTO377
LXVIII. LA COPERTA378
LXIX. IL FUNERALE381
LXX. LA SFINGE383
LXXI. LA STORIA DEL JEROBOAM386
LXXII. LA FUNE DA SCIMMIA392
LXXIII. STUBB E FLASK UCCIDONO UNA BALENA FRANCA, E POI CI DISCUTONO SOPRA398
LXXIV. LA TESTA DEL CAPODOGLIO: SCHIZZO COMPARATIVO406
LXXV. LA TESTA DELLA BALENA FRANCA: SCHIZZO COMPARATIVO412
LXXVI. L'ARIETE416
LXXVII. LA GRAN BOTTE DI HEIDELBERG419
LXXVIII. CISTERNA E SECCHIE421
LXXIX. LA PREGHIERA427
LXXX. IL NOCCIOLO430
LXXXI. IL PEQUOD INCONTRA LA VERGINE433
LXXXII. L'ONORE E LA GLORIA DELLA BALENERIA447
LXXXIII. GIONA STORICAMENTE CONSIDERATO450
LXXXIV. IL LANCIO DEL PALO452
LXXXV. LA FONTANA455
LXXXVI. LA CODA459
LXXXVII. LA GRANDE ARMADA464
LXXXVIII. SCUOLE E MAESTRI DI SCUOLA478
LXXXIX. PESCE LEGATO E PESCE LIBERO482
XC. TESTE O CODE489
XCI. IL PEQUOD INCONTRA IL BOCCIUOLO DI ROSA493
XCII. AMBRA GRIGIA500
XCIII. IL NAUFRAGO503
XCIV. UNA STRETTA DI MANO508
XCV. LA TUNICA513
XCVI. LA RAFFINERIA514
XCVII. LA LAMPADA520
XCVIII. STIVAGGIO E PULIZIA521
XCIX. IL DOBLONE525
C. GAMBA E BRACCIO. IL PEQUOD DI NANTUCKET INCONTRA IL SAMUEL ENDERBY DI LONDRA533
CI. IL BOCCALE541
CII. UNA PERGOLA NELLE ARSACIDI549
CIII. MISURE DELLO SCHELETRO DELLA BALENA553
CIV. LA BALENA FOSSILE556
CV. LA BALENA DIVENTA PIÙ PICCOLA? SI AVVIA FORSE A SPARIRE?561
CVI. LA GAMBA DI ACHAB565
CVII. IL CARPENTIERE569
CVIII. ACHAB E IL CARPENTIERE. IL PONTE. PRIMO QUARTO DI NOTTE573
CIX. ACHAB E STARBUCK IN CABINA579
CX. QUEEQUEG NELLA BARA583
CXI. IL PACIFICO590
CXII. IL FABBRO591
CXIII. LA FUCINA595
CXIV. L'INDORATORE600
CXV. IL PEQUOD INCONTRA LO SCAPOLO603
CXVI. LA BALENA MORENTE606
CXVII. LA GUARDIA ALLA BALENA608
CXVIII. IL QUADRANTE611
CXIX. LE CANDELE614
CXX. IL PONTE VERSO LA FINE DEL PRIMO QUARTO DI NOTTE624
CXXI. MEZZANOTTE. LE MURATE DEL CASTELLO DI PRUA625
CXXII. MEZZANOTTE: ARRIVA: TUONI E LAMPI627
CXXIII. IL MOSCHETTO628
CXXIV. L'AGO631
CXXV. IL SOLCOMETRO E LA SAGOLA636
CXXVI. IL SALVAGENTE641
CXXVII. LA TOLDA646
CXXVIII. IL PEQUOD INCONTRA LA RACHELE649
CXXIX. LA CABINA654
CXXX. IL CAPPELLO656
CXXXI. IL PEQUOD INCONTRA LA DELIZIA664
CXXXII. LA SINFONIA667
CXXXIII. LA CACCIA. PRIMO GIORNO672
CXXXIV. LA CACCIA. SECONDO GIORNO684
CXXXV. LA CACCIA. TERZO GIORNO695
EPILOGO712
ETIMOLOGIA ED ESTRATTI713
ESTRATTI715

Click on an unfamiliar word in the text to see the translation options.
In the settings you can also change the size and alignment of the text

Moby Dick: read the book

I. QUALCOSA APPARE IN LONTANANZA

Chiamatemi Ismaele. Qualche anno fa - non importa quando esattamente - avendo poco o nulla in tasca, e niente in particolare che riuscisse a interessarmi a terra, pensai di andarmene un po' per mare, e vedere la parte equorea del mondo. È un modo che ho io di scacciare la tristezza, e regolare la circolazione. Ogni volta che mi ritrovo sulla bocca una smorfia amara; ogni volta che nell'anima ho un novembre umido e stillante; quando mi sorprendo a sostare senza volerlo davanti ai magazzini di casse da morto, o ad accodarmi a tutti i funerali che incontro; e soprattutto quando l'ipocondrio riesce a dominarmi tanto, che solo un robusto principio morale può impedirmi di uscire deciso per strada e mettermi metodicamente a gettare in terra il cappello alla gente, allora mi rendo conto che è tempo di mettermi in mare al più presto: Questo è il mio surrogato della pistola e della. pallottola. Con un gran gesto filosofico Catone si butta sulla spada: io zitto zitto m'imbarco. E non c'è niente di strano. Se soltanto lo sapessero, prima o poi quasi tutti nutrono, ciascuno a suo modo, su per giù gli stessi miei sentimenti per l'oceano. Eccovi dunque l'insulare città dei Manhattanesi, tutta cinta dalle banchine come le isole indiane dai banchi di coralli: il commercio l'avvolge con la sua risacca A destra o a manca le strade portano verso l'acqua. La punta estrema della città è la Battery: quella nobile mole è bagnata da onde e rinfrescata da brezze che poche ore prima erano dove la terra è invisibile. Guardate lì le folle dei contemplatori dell'acqua. Camminate ai margini della città in un sognante pomeriggio domenicale. Andate da Corlears Hook a Coenties Slip, e di là per Whitehall verso nord. Che cosa vedete? Piazzati come sentinelle silenziose tutt'intorno all'abitato, stanno migliaia e migliaia di mortali impietrati in sogni oceanici Alcuni appoggiati ai pali, altri seduti sulle testate dei moli; questi spingono lo sguardo oltre le murate di navi che vengono dalla Cina, quelli aguzzano gli occhi verso l'alto, nelle attrezzature, come cercassero di spaziare ancora meglio sul mare. Ma sono tutti gente di terra, uomini rinserrati nei giorni feriali tra cannicci e intonachi, legati ai banchi, inchiodati agli scanni, ribaditi alle scrivanie. Che significa allora? I prati verdi sono scomparsi? Che fa qui questa gente? Ma guardate! Arrivano altri gruppi che marciano dritti all'acqua come volessero tuffarsi. Strano! Niente li soddisfa se non il limite estremo della terra, oziare a riparo del vento, all'ombra di quei magazzini, non basta. No. Debbono andare vicino all'acqua, quant'è possibile senza cascarci dentro. Ed eccoli là piantati per miglia e miglia, per leghe. Gente dell'entroterra tutti, vengono da traverse e vicoli, strade e viali, da nord e sud, dall'est e dall'ovest. Ma qui si ritrovano tutti quanti. Ditemi, è la forza magnetica degli aghi di bussola di tutte quelle navi, forse, che li attira qui? Ancora. Siete, diciamo, in campagna, su qualche altipiano ricco di laghi. Prendete un sentiero qualunque, e nove volte su dieci vi porta giù in una valletta e vi lascia lì, dove la corrente ristagna. C'è qualcosa di magico in quell'acqua. Prendete il più distratto degli uomini quand'è sprofondato nei suoi sogni: mettetelo in piedi, mettete i piedi in movimento, ed egli vi porterà infallibilmente all'acqua, se acqua c'è in tutta la zona. Provatelo, questo esperimento, se mai vi trovaste morti di sete nel gran deserto americano, sempre che la vostra carovana sia fornita di un professore di metafisica. Sicuro, come tutti sanno, meditazione e acqua sono sposate in eterno.
Page 1 of 733

You can use the left and right keys on the keyboard to navigate between book pages.

Download the book for free in PDF, FB2, EPUb, DOC and TXT

Download the free e-book by Herman Melville, «Moby Dick Or The Whale» , in Italian. You can also print the text of the book. For this, the PDF and DOC formats are suitable.

Be the first to comment

Add

Add comment